Skip to content

Casa, dolce casa

16 gennaio 2012

Sarò breve, pazienza…

Domenica:

ore 06:00 – Mi sveglio e ho l’ansia.

6:30 – Faccio colazione e ho l’ansia

7:30 – Controllo, inutilmente, le email. Ho l’ansia

9:30 – Esco a prendermi caffé, giornale, sigarette. Ho l’ansia

11:30 – Giornale letto, caffé bevuto, sigarette fumate (adoro l’ablativo assoluto), ho ancora  l’ansia. Decido di pulire casa. Mi armo di scopa, aspirapolvere, mocio, stracci, secchio. Mi tiro su i pantaloni, indosso le crocs da casa, dovrei mettere il fazzolettone a pois sulla testa ma non lo faccio e inizio. Ho l’ansia.

12:00 – Decido che potrei anche caricare la lavatrice. Lo faccio ansiosamente.

13:30 – Termino la corvée. Guardo ansioso la casa. Si potrebbe mangiare per terra senza piatti. Ho ancora l’ansia.

14:30 – finisco di pranzare e stendo i panni ansioso. In balcone, esposto a SE, fa -5. I miei calzini diventano immediatamente degli stoccafissi. Se le lenzuola cadessero a terra potrebbero ghigliottinare l’incauto passante.

15:00 – Stoccafissi appesi (ah, l’ablativo assoluto! mon amour!), controllo i documenti.

15:30 – Controllo l’estratto conto. Raggiungo livelli di ansia ai quali non avrei mai creduto di sopravvivere.

15:45 – Controllo i documenti. Ci sono tutti. Supero i livelli di cui sopra.

16:00 – Controllo l’estratto conto. Sono ancora vivo, mi sto fumando sotto.

16:45 – Controllo i documenti. Ci sono tutti. Rifumo

17:00 – Internet, fonte di ogni sapere. Ho tutto quello che mi serve?

17:15 – Non potendo controllare contemporaneamente il CC e l’incartamento, decido che forse è meglio se mi distraggo un po’.

17:20 – Ritiro gli stoccafissi dal balcone. Sono asciutti, magie dei passaggi di stato! Perdo la sensibilità alle dita.

17:30 – Laboratorio hobbistico di falegnameria dell’amico Peppe. Cala il sole siamo a -8.

20:00 – Cena.

20:30 – Controllo documenti. Fumo

20:45 – Controllo il saldo sul conto corrente. Mi sto fumando sotto

Continuo così fino alle 23:30, poi vado a letto.

23:45 – Controllo che la 24Ore con i documenti sia dove mi sono ricordato di averla messa 15 minuti prima e non sia scappata a prendere una birra con gli amici.

Finalmente è Lunedì.

07:00 – Colazione, doccia, barba Pelo e oleportnoC. Credo, ma non ne sono sicuro, che l’ultima volta che ho fatto il contropelo alla mia barba sia stata la mattina del mio matrimonio. Ho, come allora, la faccia liisscia come quella dei  miei figliuoli e due borse sotto gli occhi in Vera Pelle Di Callo Di Anziano Coccodrillo Del Nilo, anche queste già indossate quel fatidico giorno.

8:30 – Procedo con il rito sacro della vestizione. Dopo lunga meditazione decido che andrò in alta uniforme:

Le chiavi, finalmente!

...eccole.

  • Camicia celeste Burberry…
    Pantaloni marron, Burberry…
    Cravatta Burberry gialla con barchette…
    Giacca marron…
    Pea coat
    Sciarpa Burberry

8:40 – mi tolgo la cravatta e la stiro a vapore. Mi si appannano immediatamente gli occhiali.

8:45 – Rimetto la cravatta.

8:46 – Ritolgo la cravatta e cambio il nodo.

8:47 – Ritolgo la cravatta e ricambio il nodo.

8:48 – Mi stupisco favorevolmente dei così tanti nodi di cravatta che conosco.

9:00 – Giornale, caffé e sigarette.

9:30 – Incontro il direttore della banca e parto per L’Aquila

10:00 – Parcheggio finalmente. Esco dalla macchina e ricordo immediatamente un proverbio delle mie parti:

“Se vuoi sape’ com’è l’inférno, va’ a Foggia l’estate e all’Aquila l’invérno”

Oggi , 16 Gennaio 2012 è precisamente Inverno…

11:00 – Tutti di fronte al Notaio. A me il Notaio mette tanta soggezione.

12:00 – Mi sono state lette con estremo dettaglio, chiarezza e cura otto pagine di atto.

12:30 – Firmo. Rifirmo. Rifirmo. Rifirmo. Rifirmo. Rifirmo. Rifirmo. Rifirmo. In otto modi diversi.

12:40 – Si ricomincia: Altre otto pagine di un altro atto, altre otto firme tutte diverse tra loro e dalle altre otto.

13:30 – Esco, mi allento un cicinin l’ half Windsor,  fumo finalmente e tiro le somme:

  1. Ho distrutto, esecrato e sparso sale sul mio conto corrente da oggi per i secoli a venire…
  2. Ho praticamente firmato un nexum con la banca…
  3. Abbiamo una casa a 10 km da dove lavoro…
  4. Abbiamo una casa a 100m dall’edicola, bar, negozio, tabaccaio, posta, farmacia, asilo, scuole…
  5. Abbiamo una casa dove ci entriamo molto comodi tutti e quattro…

…Mo’, se ddiovòle, si tratta di farceli arrivare gli altri tre…

Annunci
2 commenti
  1. cioè, non ho capito… sono in arrivo altri TRE bambini? e ne hai già DUE???

    mioddio, al solo pensiero ho l’ansia.

    • no no no!
      no eh!
      no no!
      e’ che tra me e il resto della famiglia ci sono 600km in linea d’aria… i tre sono La Titolare, Figlio grande e Figlio Piccolo

      …certo, se fossimo partiti prima una femminuccia non ci sarebbe stata poi malino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: